Italian

Download e-book for iPad: Clavis universalis. Arti della memoria e logica combinatoria by Paolo Rossi

By Paolo Rossi

Show description

Read or Download Clavis universalis. Arti della memoria e logica combinatoria da Lullo a Leibniz PDF

Similar italian books

Extra resources for Clavis universalis. Arti della memoria e logica combinatoria da Lullo a Leibniz

Sample text

Pp. 271-89. 42 MARX CRITICO DELL’OLISMO LIBERALE Ma è necessario soffermarsi ancora un po’ sulla struttura del discorso criticato dal Capitale: la felicità, ovvero la ricchezza ovvero la libertà della «società» o della «nazione» esigono l’infelicità, la miseria, la schiavitù della maggioranza dei suoi membri. Perché questa proposizione non viene colta come logicamente contraddittoria? È chiaro: perché i lavoratori salariati non vengono sussunti propriamente, o a pieno titolo, sotto la categoria di «società» e «nazione», un universale che a loro fa appello solo perché fungano da vittime sacrificali.

Ma dov’è la civiltà e dov’è la barbarie? L’Europa intanto può conservare la sua certezza di rappresentare la civiltà, in quanto è ancora al di qua del concetto universale di uomo. Ecco perché essa ribolle di indignazione per le crudeltà e gli «orrori» – come Tocqueville li definisce61 – degli insorti in India e Cina, ma continua a conservare la sua buona coscienza nonostante tutti i crimini che essa commette nelle colonie. Per dirla con Marx: «La crudeltà, come tutte le cose di questa terra, ha le sue mode che variano a seconda 7275 60 K.

La necessità di procedere ad una drastica limitazione dei diritti civili di gruppi sociali o etnici considerati pericolosi e sovversivi viene talvolta esplicitamente teorizzata. ] Ciò fa parte dei principi fondamentali sui quali riposa un governo civile». Emerge qui la parola d’ordine chiave dell’olismo (sicurezza e benessere dell’intero); ed essa emerge in un esponente di primo piano del liberalismo, non in Marx che invece, in polemica per l’appunto con Lord Palmerston, condanna la totale subordinazione da quest’ultimo teorizzata della «massa del popolo» a tale universale illusorio e mistificante che è la «legislazione», «ovvero, con parole diverse, la classe dominante» (MEW, IX, 361).

Download PDF sample

Rated 4.52 of 5 – based on 37 votes